FAQ

  1. Quando devo sterilizzare o castrare il mio gatto? 
  2. Quando devo portarlo a fare le prime vaccinazioni?
  3. A che età posso cominciare a dargli il cibo per adulti?
  4. Posso dargli da bere del latte?
  5. Ogni quanto devo dargli da mangiare? E quanto gliene do?
  6. Devo uscire spesso di casa e capita che rimane solo, ne soffre?
  7. Cosa significa quando fa le fusa e sbava?
  8. Se decido di non sterilizzare la mia gatta a che età avrà i primi calori?
  9. I prodotti insetticidi come i fornellini per le piastrine sono pericolosi per loro?
  10. Cosa significa quando il gatto solleva il naso come per sentire degli odori?
  11. Quali piante da appartamento sono nocive per il gatto?
  12. Cos'è l'Anagrafe Nazionale Felina?



































Quando devo sterilizzare o castrare il mio gatto?

Il gatto, sia femmina che maschio, raggiunge la maturità sessuale attorno ai 6-9 mesi di vita e questa, o anche prima, è l’età migliore per l’intervento di sterilizzazione e castrazione.


Quando devo portarlo a fare le prime vaccinazioni?

La prima vaccinazione viene effettuata quando il gattino, in buono stato di salute, ha due mesi di vita. Prima di fare il vaccino è opportuno effettuare un esame delle feci per escludere la presenza di parassiti intestinali. Viene poi fatto un richiamo dopo circa un mese dalla prima vaccinazione. In seguito sarà sufficiente un richiamo vaccinale una volta all’anno. Il veterinario di fiducia suggerirà il protocollo vaccinale più adatto ad ogni specifica situazione (es. gatto che vive in casa o che all’accesso all’esterno).


A che età posso cominciare a dargli il cibo per adulti?

Se si usa un cibo commerciale e non una dieta casalinga, l’età di passaggio dal cibo per gattino a quello per adulto è a circa un anno di vita.


Posso dargli da bere del latte?

Una volta svezzato il gatto non ha più necessità di assumere il latte, ma, se lo si desidera, gliene possiamo somministrare piccoli quantitativi. Alcuni gatti possono tollerarlo senza problemi ed anzi gradirlo molto, ad altri può scatenare una fastidiosa diarrea ed in questi casi sarà da evitare rigorosamente la sua somministrazione.


Ogni quanto devo dargli da mangiare? E quanto gliene do?

I gatti in natura mangiano poco e spesso, quindi l’ideale sarebbe somministrare piccoli pasti più volte durante il giorno. Il quantitativo di cibo da somministrare al gatto dipende dal tipo di cibo utilizzato, dall’età e dal peso del gatto, dal suo stato di nutrizione e di salute. Sicuramente il veterinario di fiducia è la persona cui chiedere consigli riguardanti l’alimentazione del proprio gatto. Se si usa un cibo commerciale in genere è riportato sulla confezione il quantitativo indicativo di cibo da somministrare al gatto in relazione al suo peso.


Devo uscire spesso di casa e capita che rimane solo, ne soffre?

Chi vuole adottare un gatto pensando che sia meno impegnativo di un cane e che possa starsene tutto il giorno in casa da solo senza problemi e senza nulla da fare, forse farebbe meglio a riflettere. I nostri animali da compagnia, sia cani che gatti, hanno bisogno di attenzioni da parte nostra, momenti di gioco e di interazione. Quando torniamo a casa stanchi alla sera, magari dopo una lunga giornata di lavoro, ricordiamoci che il nostro gatto ha trascorso tutto il giorno da solo, probabilmente senza molto da fare. Avremo il tempo di dedicargli attenzioni, di farlo giocare e di coccolarlo? Pensate che un gatto in natura passa in media 6-8 ore a cacciare, indagare odori, osservare... Soprattutto se il gatto è solo in casa è importante arricchire l’ambiente il più possibile, con giochini vari, nascondendo magari dei croccantini sotto un angolo del tappeto, dandogli la possibilità di guardare fuori dalla finestra, etc.


Cosa significa quando fa le fusa e sbava?

Chi è gattofilo conosce la gioia che si prova quando il gatto si acciambella vicino o su di noi facendo le fusa. Alcuni gatti in questa situazione di estrema rilassatezza sbavano anche. Il significato delle fusa è comunque non ancora del tutto chiaro. E’ associato spesso ad uno stato di benessere psico-fisico del gatto, ma verosimilmente le fusa vengono utilizzate dal gatto anche per calmarsi in una situazione di dolore o paura o per placare un potenziale aggressore che si avvicina.


Se decido di non sterilizzare la mia gatta a che età avrà i primi calori?

La gatta in genere raggiunge la maturità sessuale attorno ai 6-9 mesi di vita. Durante il calore diventa più estroversa, si rotola, si strofina, urina più spesso e miagola. Se la si stimola nella regione della groppa, può inarcare la schiena deviando la coda, dimostrando che è pronta ad accettare il maschio. Se non si accoppia, può andare in calore anche 3-4 volte, ad intervalli di circa due settimane, soprattutto in determinati periodi dell’anno.


I prodotti insetticidi come i fornellini per le piastrine sono pericolosi per loro?

A meno che il gatto non ingerisca le piastrine utilizzate per il fornellino e non ci vada attorno per curiosità o per gioco bruciandosi i baffi, i fornellini utilizzati per tenere lontane le zanzare non sono pericolosi. I prodotti insetticidi in genere devono essere tenuti rigorosamente lontani dalla portata del gatto, così come i farmaci, i fili usati per chiudere i sacchetti della spazzatura e le piante che possono risultare tossiche se ingerite.


Cosa significa quando il gatto solleva il naso come per sentire degli odori?

L’atteggiamento tipico del gatto di sollevamento del labbro superiore con bocca semi-aperta è chiamato flehmen. Questo comportamento permette al gatto di convogliare particelle particolari, chiamate feromoni, nell’organo di Jacobson, attraverso un canale situato nel palato.


Quali piante da appartamento sono nocive per il gatto?

Stella di Natale, vischio, digitale, edera, azalee, mughetto, pothos, iris, giglio.


Cos'è l'Anagrafe Nazionale Felina?

L’Anagrafe Nazionale Felina è una banca dati informatizzata che registra i dati identificativi dei gatti dotati del dispositivo di identificazione elettronico (microchip).
Tutti i proprietari e detentori possono rivolgersi ad un medico veterinario che aderisce all’Anagrafe per l’identificazione e la contestuale registrazione on line dell’animale di proprietà o in custodia.
Il servizio è attivato su base volontaria e ha la finalità di favorire il controllo della demografia felina, contrastare l’abbandono e agevolare il ricongiungimento del gatto con il suo proprietario in caso di smarrimento in Italia o all’estero.



Newsletter


Aiutaci a sostenere lo Stregatto comprando su Zooplus.it
Pronatura Calderara aderisce a:

www.pro-natura.it


Home
Chi siamo
Dove siamo
Contatti
Link
Normative




Storie di gatti
Gli adottati
Adozione a distanza
Oasi feline libere
FAQ
Privacy
www.comune.calderaradireno.bo.it
Questo sito web è di proprietà di Associazione Pro Natura Calderara - ©2017 - Realizzato da Sitosolidale